Craper Vag

Ovvero, ancora,inverosimilmente Val Breguzzo..
He sì…ci siamo cascati ancora…per soddisfare la regola delle quattro S siamo ancora qui.
Ma direi che le quattro esse sono state soddisfatte appieno! Doveva essere Cima Agosta e Quadra,ma, vista la situazione di neve libidinosa e, vista la sciata molto più lunga e remunerativa del Craper, il cambio in corsa era d’obbligo.
Saliamo al Trivena superati da numerosi personaggi (che ritroveremo poi strada facendo) tutinati e no, arrapati parecchio.
Seguiamo una traccia appena battuta che sale alle Taiade, mentre tutti salgono dal Redont.
Traccia devo dire magistrale fino in vetta, che poche volte capita di vedere.
Ci innestiamo alla sella del Corno del Fus con il percorso classico al Craper, davanti a noi parecchia gente,locali,Vicentini, tedeschi..solitari, di tutto.
Temperature piacevoli e sole spaziale, assenza di vento, bella compagnia,bella neve, insomma ci sono tutti gli ingredienti per una giornata piacevole in montagna.Solo, il mio ginocchio malconcio non è d’accordo e farà di tutto per rovinarmi la festa. Ouesta volta farà KO.

Qui il, video fatto con la Helmet cam (la data è sbagliata..non è il 20 febbraio ma il 19).